la-vendetta-veste-prada-350_oggetto_editoriale_w300 News

Il diavolo veste ancora Prada ed ha sete di vendetta


 

Chi non ha mai sentito parlare almeno una volta de “Il diavolo veste Prada”? In molti conosceranno il fortunato romanzo di Lauren Weisberger grazie all’omonimo film portato al successo da Meryl Streep e Anne Hathaway, che interpretano rispettivamente Miranda Priestly, direttrice di Runway e spietato guru della moda, e Andy, assistente personale di Miranda col sogno di diventare giornalista.

Da pochi giorni è in libreria il sequel del romanzo, uscito a distanza di dieci anni: “La vendetta veste Prada”.

Anche in questo caso, come nel primo libro, l’autrice ha affermato che il racconto è “frutto della fantasia ma anche della vita personale, con elementi tratti dalla propria quotidianità come la maternità e il matrimonio”.

Andy ha finalmente detto addio ai maglioncini acrilici ed è diventata una donna in carriera, fondatrice di un’importante rivista dedicata alle spose, insieme alla sua rivale di un tempo e oggi migliore amica Emily.

In più sta per coronare anche il suo sogno di sposare l’uomo che ama, Max.

Dei tempi in cui Miranda la faceva tremare con uno sguardo rimane solo uno sbiadito ricordo, ma in fondo al cuore Andy sa bene che non si voltano le spalle al diavolo rimanendo indenni e cosi, ogni volta in cui partecipa ad un party glamour, ha paura di imbattersi di nuovo in Miranda Priestly.

Del resto la vendetta è un piatto da consumare freddo, e il diavolo è sempre dietro l’angolo e sa essere spietato, anche se si nasconde dietro ad un abito di alta moda.

Riuscirà Andy a conciliare la vita matrimoniale, il lavoro, e a lasciarsi definitivamente alle spalle Runway e Miranda?  476 pagine vi separano dal saperlo, enjoy!


Add Comment Register



Leave a Comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>